Due volte venti: tanti auguri a me!



Ok, faccio outing.
Gli anni passano anche per me.

Quest'anno compio quarant'anni.
Lo scrivo perché lo shock per il numero devo ancora superarlo.

Una volta pensavo che le quarantenni fossero vecchie.
Ma io non mi sento affatto vecchia, anzi! Infatti, pensandoci bene, sto compiendo i miei secondi vent'anni... (Ahahahahaha!)
Sarà che, scherzando, affermo che sono una mezzelfa e, perciò, invecchio più lentamente, sarà che quando ci sei in mezzo non te ne rendi conto, ma io non sento tutti questi anni gravare sulle mie spalle.

Ripenso alla mia adolescenza, piuttosto normale, e si, ammetto, ero davvero una nerd. Ma ho fatto esperienze che mi hanno arricchita e resa quello che sono.
Essere scout e scegliere di essere un capo scout mi ha permesso di fare miei valori che sento mancare nella società di oggi.

La gratuità, l'essenzialità, il valore del servizio sono tutti valori che, nella società del tutto e subito, possono apparire obsoleti. Ma il mio scegliere di fare dell'educazione il mio percorso di vita e di studi mi ha permesso di coniugare questi valori con i bambini e le famiglie di cui mi circondo quotidianamente.

A dire il vero credo che siano loro che arricchiscono me quotidianamente, ma l'idea di donare ogni giorno del bene alle persone che incontro mi fa sentire in pace con me stessa.

Con gli scout ho camminato sul Cammino di Santiago, ho racchiuso nel mio cuore i visi dei bambini del campo profughi di Varazdin, in Croazia, porto con me i sorrisi di tutti i ragazzi a cui ho fatto da capo scout. Ho amato il canto dei boschi, la fatica di arrivare in cima alla montagna e di ammirare un panorama mozzafiato che fa sparire ogni fatica.
Ho conosciuto persone speciali che resteranno nel mio cuore per tutta la vita.

Ho sposato uno scout nell'anno del centenario dello scoutismo ed è stato ciò che di più bello potessi fare. In lui ho trovato un compagno di vita, una persona che mi sostiene e che mi supporta sempre, anche quando sono rompiscatole.

Insieme abbiamo superato molte prove, alcune molto difficili, perché la vita ti sbatte in faccia il dolore, ma ti insegna anche che, se cerchi, hai la forza di superare ogni cosa. E se lo fai tenendo per mano chi ami, la vita ti insegna anche ad apprezzare le sue meraviglie, quelle che chiamo le Scintille di Gioia.

Ho giocato di ruolo, ho riso, ho scherzato, ho sognato insieme a persone eccezionali, supportata da Marito, che crede che coltivare i propri sogni sia importante.

Ho ricevuto dalla vita il dono più grande, anzi i più grandi doni che potessi ricevere, i miei due bambini che amo infinitamente. Da quando sono nati, sono rinata pure io, come persona diversa, come mamma. Ho rinegoziato la mia vita, le mie priorità.
Essere madre non è una passeggiata, ma mi ripaga infinitamente tanto di tutte le fatiche.

Ho aperto un blog.
Lo curo come il mio piccolo spazio dove prendermi cura di me e di ciò che amo. È un luogo in cui parlo di me e condivido alcuni aspetti della mia vita e di ciò che sono con chi ha il piacere di leggere i miei pensieri.

No, non ho la presunzione di diventare una di quelle super blogger che hanno  successo, non credo di averne le competenze, nè le abilità. Il mio blog è troppo semplice.
Ma è un luogo che mi rende felice ed a cui tengo. Un luogo che mi ha insegnato tantissimo, che mi ha aperto tante porte e portata a conoscere tante belle persone.

Due volte venti, quarant'anni.
Oggi la cuoca della scuola dove lavoro mi diceva che noi donne rinasciamo a quarant'anni, perché siamo più consapevoli e più belle, grazie alle esperienze che abbiamo vissuto.
Un bellissimo pensiero.
Può essere il modo per indorare la pillola, dato che comunque il tempo passa e lascia i suoi segni, ma può essere anche un modo per rivedere in modo positivo ciò che siamo.

E così oggi sono qui, a fare il punto della mia vita, di quello che sono. 
È stato un percorso lungo fino ad ora. Ma sono felice, perché ho vissuto intensamente tante esperienze che racchiudo nel mio cuore.

Oggi voglio godere di questa bellissima giornata di sole, fare il pieno di positività e godere della vita.

Tanti auguri a me! 

Commenti

  1. Tantissimi auguri davvero, Silvia! :)
    A quarant'anni si può fare già un bilancio della propria vita perchè non si è più ragazzi, diciamo, ma si guarda anche avanti con slancio perchè il futuro ha in serbo ancora tante cose,
    Bellissimo il post, hai tracciato un profilo di questi tuoi "due volte venti" proprio coinvolgente, vero,
    Buon compleanno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Maris! Mi fai arrossire...^^

      Elimina

Posta un commento